Gli atleti Russi non potranno partecipare alle paraolimpiadi a settembre

By | 24 agosto , 2016

Il TAS di Losanna ha respinto il ricorso Russo contro il provvedimento di esclusione dei suoi atleti dalle competizioni paraolimpiche che si svolgeranno a Rio dal 7 al 18 settembre. Gli atleti Russi, già graziati rispetto alle Olimpiadi appena concluse, non si recheranno a Rio. Questo provvedimento scaturisce dall’accertamento di ben 35 casi di positività al doping insabbiati dalle autorità sportive Russe, cosa che ha fatto ritenere al Tribunale Amministrativo dello Sport che ha sede nella città Svizzera, inaffidabile il sistema di controllo antidoping Russo.

Non si tratta di un evento fine a se stesso, si può dire “una tantum” quello dell’insabbiamento Russo delle positività ma un vero e proprio sistema che si protrae da anni, infatti, i 35 casi accertati sono spalmati su quattro anni, cosa che ha fatto ritenere ai giudici che se sbagliare è umano, perseverare è diabolico, pertanto gli atleti paraolimpici Russi vengono lasciati a casa. La decisione è clamorosa nella sua portata ma resa necessaria anche per lanciare un chiaro messaggio di estrema attenzione rispetto all’uso di sostanze illecite al fine di aumentare le prestazioni degli atleti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *